PIEDE PIATTO – INTRODUZIONE

Condividi

Piede piatto nel bambino: è davvero necessario un intervento chirurgico?

Vostro figlio è stato da poco visitato e vi è stato consigliato per il suo piede piatto un intervento chirurgico correttivo “facile”, ma avete molti dubbi?
Vi hanno detto che deve essere operato per evitare problemi futuri, ma in questo momento lui sta bene e non lamenta disturbi?
Purtroppo non siete i soli in questa condizione. E giustamente avete i dubbi che ogni genitore avrebbe: “Sto facendo la cosa giusta? Mi hanno detto che se non faccio l’intervento in questa fascia di età non potrò più farlo…”
Questa scheda vi aiuterà forse a chiarirvi le idee.

Piede piatto

Piedi piatti: stiamo forse operando troppi bambini?

La chirurgia del piede piatto nei bambini è letteralmente “esplosa” negli ultimi anni. Ci sono ampie fette di popolazione pediatrica interessate alla problematica, classi scolastiche in cui più di un bambino ha subito un intervento chirurgico per piede piatto.

L’intervento per piede piatto (artrorisi/calcagno stop) è in effetti un intervento “facile”, di esecuzione rapida e poco costoso per la struttura sanitaria e il chirurgo che lo esegue. I ricavi (o rimborsi) che ne derivano sono in proporzione abbastanza soddisfacenti. Questo può creare un impulso economico anomalo sia per il privato che per il pubblico, in una spirale che difficilmente può essere contenuta.

Ma sono davvero interventi facili, o possono avere complicanze? Vai direttamente alla scheda dedicata al trattamento chirurgico

E tutto questo incremento di chirurgia sul piede piatto nei bambini ha una base scientifica con evidenze solide? Vai direttamente alla scheda dedicata al trattamento chirurgico

Le reali problematiche da piede piatto in età adulta sono davvero così frequenti? O c’è una netta sproporzione con questo investimento di risorse in età pediatrica? Vai direttamente alla scheda dedicata alla storia naturale

Questa situazione è simile nel resto del mondo o risente anche di influenze culturali? Vai direttamente alla scheda dedicata al trattamento chirurgico

Piede piatto nel bambino: controversie e dubbi

Il piede piatto rappresenta uno dei motivi più frequenti per cui viene richiesta una visita di ortopedia pediatrica (e quella del piede piatto è una delle paure più frequenti nelle famiglie italiane).
Purtroppo, esso rappresenta anche uno degli ambiti più controversi nella patologia ortopedia pediatrica. Tanto per cominciare, non esiste una definizione univoca per questa problematica.

Per molti, il piede piatto rappresenta semplicemente una conformazione normale, nell’ambito della normale variabilità degli individui, e non può essere interpretato come una “deformità”. In effetti la fase di pronazione (si parla di piede piatto pronato) rappresenta una delle fasi del normale appoggio del ciclo del passo.
Recenti studi hanno evidenziato l’assenza di una definizione comunemente accettata per il piede piatto e di un comune metodo di valutazione. Questo porta a difficoltà nelle analisi epidemiologiche sia in età pediatrica che nell’adulto e conseguente difficoltà nel trarre conclusioni rigorose e scientifiche in molti studi.
In questa situazione nebulosa, proviamo a chiarire alcuni aspetti, in modo che la scelta sia più consapevole:

Torna a Ortopedia Pediatrica